Nuovo Modulo Autocertificazione Aggiornato al 26 Marzo

| famiglia
coronavirus polizia

Con la nuova autocertificazione chi è fermato deve dichiarare di non essere positivo o in quarantena, il paese di residenza, la regione di partenza e di arrivo

Il modulo autocertificazione cambia per la quarta volta e l'ultima versione disponibile è quella del 26 marzo. Per uscire di casa ai tempi del coronavirus, ormai lo sappiamo, serve un’autocertificazione che dimostri le ragioni per cui la persona si stia spostando. L'autocertificazione è quindi necessaria per giustificare gli spostamenti, va compilata, firmata ed esibita alle forze di polizia che la richiedono. Secondo i dati diffusi dal ministero dell’Interno sulle verifiche svolte dall’11 fino al 16 marzo in tutta Italia, salgono a 838.200 le persone controllate e 35.506 quelle denunciate. In campo circa 40mila agenti fin dal primo giorno messi subito su strada dai vertici delle forze di polizia, senza trascurare la disponibilità dei 7mila militari dell’Esercito di «Strade sicure» a disposizione dei prefetti.

La percezione della gravità di questa situazione purtroppo sfugge ancora a troppi, e non sono rari i casi di leggerezza e di incuria delle nuove regole.

Ma le ultime misure adottate per il contenimento della diffusione del virus Covid-19 hanno apportato modifiche anche all’autocertificazione, che è quindi aggiornata al 26 marzo. Vediamo insieme quali sono i cambiamenti più importanti e scarica il nuovo modulo di autocertificazione. 

Nuova Autocertificazione: Cosa Cambia e Modulo Scaricabile

coronavirus polizia

Il modulo autocertificazione cambia per la quarta volta. Il nuovo decreto del Presidente del Consiglio dei ministri (DPCM) infatti introduce ulteriori misure in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19, applicabili sull'intero territorio nazionale. Dovrai cioè dichiarare:

  • di non essere sottoposto a quarantena
  • di non essere risultato positivi al Covid 19
  • il comune di residenza
  • la regione di appartenenza e quella in cui eventualmente ci si sposterà

Questo aggiornamento ha fatto seguito più di un caso di persone positive fermate dalle forze di polizia: la denuncia è scattata subito. Per quelli che si stanno chiedendo se sia legale essere obbligati a comunicare i propri dati di natura sanitaria, la circolare ricorda come l’articolo 14 comma 1 del decreto legge n. 14 del 9 marzo «per garantire la salute pubblica nella situazione di emergenza in atto » autorizzi «il trattamento e la comunicazione di dati di natura sanitaria anche da parte dei soggetti deputati a garantire il monitoraggio e l’esecuzione delle misure».

Puoi scaricare il Nuovo Modello Autocertificazione

Nuova Autocertificazione: le Sanzioni Previste

coronavirus polizia

A quali sanzioni si può andare incontro?

  • Chiunque non rispetterà le regole verrà punito con sanzioni che vanno dai 200 ai 5mila euro e che possono arrivare anche all'arresto da 3 a 18 mesi.

“Naturalmente, - come scrive ilSole24Ore - al di là delle regole recenti, restano le sanzioni per gli usuali comportamenti illeciti. Ad esempio chi, consapevole di essere contagioso, contagia volontariamente altre persone potrà rispondere di lesioni o anche di omicidio a seconda delle conseguenze provocate. Chi, invece, viola le regole di prudenza raccomandate, senza avere l’intenzione di diffondere il contagio, potrebbe essere accusato di lesioni o omicidio colposi. In entrambi questi casi, però, sarà necessario provare il nesso causale, ovvero che un determinato comportamento ha diffuso il virus”.

Autocertificazione Non valida Tramite Smartphone

La Polizia Postale, in una nota datata 18 marzo, riguardo alla possibilità di usare applicazioni per smartphone che sostituirebbero la autocertificazione cartacea, ha precisato che l'uso di questi servizi, "seppur motivato da esigenze di apparente semplificazione e velocizzazione delle procedure"sarebbe "in contrasto con le prescrizioni attualmente vigenti".

L'autocertificazione deve essere necessariamente cartacea e non si può utilizzare quella digitale o sullo smartphone.

Questo perché "l’autocertificazione coronavirus deve infatti essere firmata sia dal cittadino sottoposto al controllo che dall’operatore di polizia, previa identificazione del dichiarante,", oltre che essere "acquisita in originale dall’operatore che effettua il controllo, per le successive verifiche"

Altri articoli che potrebbero interessarti:


pratiche.it
Visure e Certificati Online
Richiedi Subito

Rimani sempre aggiornato

Ricevi una volta al mese consigli e guide gratuite sulle pratiche riguardanti auto, casa e lavoro.

Chi siamo

BurocraziaFacile.it è il sito d'informazione che ti aiuta a trovare soluzioni semplici e veloci alle pratiche di tutti i giorni con categorie dedicate al mondo della casa, dell'auto e del lavoro.

Le guide gratuite ti mostrano passo dopo passo le procedure per completare le tue pratiche e ottenere tutti i documenti necessari.

La sezione novità ti consente di rimanere aggiornato sulle ultime notizie, incentivi e scadenze della burocrazia.


Feed Rss

Dubbi o domande?

Scrivici un messaggio e ti risponderemo il prima possibile.

Privacy

Privacy Policy


Burocraziafacile.it
è un progetto di Script Media Group Ltd


90 Leinster Road
Rathmines Dublin 6
Vat IE​3458266BH

Note legali