Auto Nuova? Tutti i Nuovi Sconti e Incentivi per Risparmiare

| auto
auto elettrica zoe

Gli incentivi statali e regionali ti permettono di risparmiare sull'acquisto di una nuova auto. A quanto ammontano gli incentivi statali ed elenco degli incentivi regione per regione.

Se vuoi cambiare auto, puoi farti stuzzicare dagli interessanti incentivi auto in grado di far risparmiare, per le auto elettriche e in caso di rottamazione, fino a 10.000 euro sul prezzo di listino. E non è tutto, dato che gli incentivi nazionali vanno a interessare anche i modelli ibridi «semplici» e non poche auto a motore tradizionale (a gasolio o a benzina). Oltre agli incentivi nazionali, alcune Regioni hanno messo a disposizione fondi per l'acquisto di auto a basso impatto ambientale.

Cosa Sono gli Eco Incentivi Nazionali

  • Sono incentivi per acquistare auto elettriche, Ibride, a metano e a Gpl
  • Sono ideati per incentivare l'acquisto di modelli ecologici
  • Possono essere applicati solamente alle vetture di nuova immatricolazione

Gli eco incentivi nazionali (i cosiddetti “ecobonus”) sono un contributo statale messo a disposizione di chi acquista veicoli nuovi e a basse emissioni di CO2. L’importo del contributo è maggiore se, assieme all’acquisto di un nuovo veicolo, ne rottami uno vecchio. Questi vantaggi consentono di abbattere i costi da sostenere per acquistare un veicolo nuovo.

Non si tratta certo della prima volta che il Governo mette a disposizione dei cittadini incentivi simili per l’acquisto di veicoli nuovi, elettrici o plugin. Tuttavia, da agosto 2020 fino al 31 dicembre 2020 gli importi degli incentivi sono più generosi e le fasce di emissioni si sono “allargate” fino ad includere anche auto a benzina. I fondi sono però fino ad esaurimento e, con tutta probabilità, i fondi stanziati per le fasce fra 91 e 110 g/km si esauriranno ben presto, dato che includono anche molte citycar e utilitarie.

Importi degli Incentivi Nazionali

costi auto

Fino al 31 dicembre 2020 (salvo esaurimento fondi o ulteriori modifiche) gli importi degli incentivi “allargati” sulle auto nuove (che comprendono sia gli incentivi statali sia lo sconto minimo obbligatorio del venditore) diventano questi:

  • L’acquisto di autovetture con emissioni fino a 20g/km di CO2: in questo caso il contributo statale è pari a 10.000 € in caso di rottamazione di un’auto immatricolata prima del 1° gennaio 2010; 6.000 senza rottamazione di veicolo fino a Euro4. In questa fascia di contributo rientra l’acquisto di auto 100% elettriche.
  • L’acquisto di autovetture con emissioni nella fascia 21-60 g/km: contributo statale pari a 6.500 euro con rottamazione; 3.500 euro senza rottamazione.
  • L’acquisto di autovetture con emissioni nella fascia 61-90 g/km: contributo statale pari a 3.750 euro con rottamazione; 2.000 euro senza rottamazione.
  • L’acquisto di autovetture con emissioni nella fascia 91-110 g/km: contributo statale pari a 3.500 euro con rottamazione; 1.750 euro senza rottamazione.

Dal primo gennaio 2021, salvo ulteriori novità, torneranno gli incentivi «a regime»: solo per l’acquisto di auto con emissioni inferiori a 60 g/km, con importi compresi tra 1.500 e 6.000 euro e senza obbligo di sconto minimo. Al momento, come già detto, la fine dell’intero programma di agevolazioni è fissata al 31 dicembre 2021.

Da Quando Entrano in Vigore gli Incentivi Nazionali

auto elettrica ricarica

Gli eco incentivi nazionali sono stati introdotti dalla legga di Bilancio 2019 e dal primo marzo 2019 (data di entrata in vigore) gli ecoincentivi sono basati su un meccanismo a fasce, in base al livello di emissioni di CO2. Quando sono entrati in vigore, erano previste due fasce e arrivavano fino a 70 g/km, premiando essenzialmente solo auto elettriche o ibride plug-in. A inizio 2020 il limite è stato portato a 60 g/km. 

Dall’1 agosto e fino al 31 dicembre (salvo eventuali proroghe o modifiche), sono arrivati gli incentivi «allargati»: il massimo di emissioni è stato portato a 110 g/km, il che significa includere negli incentivi buona parte delle ibride «normali» e alcuni modelli con motore tradizionale, soprattutto a gasolio. Sono anche stati aumentati gli importi per la fascia fino a 60 g/km e per tutti è stato introdotto l’obbligo di uno sconto minimo di 2mila euro (1.000 € senza rottamazione) da parte del venditore, obbligatorio per avere gli incentivi pieni.

Quanto valgono gli incentivi Nazionali per auto 2020?

Gli incentivi auto possono arrivare fino a € 10.000 (anche di più in alcune città o regioni), se, ad esempio, si rottama un veicolo di almeno 10 anni per comprare un’auto elettrica nuova, ovvero con emissioni inferiori a 20 g/km.

Incentivi Regionali per Acquisto Auto Ecologiche: Cosa Sono

auto elettrica ricarica

Fino ad ora abbiamo parlato degli incentivi Statali, validi cioè per tutti i cittadini residenti in Italia, dal Piemonte alla Sicilia.

Se questi non dovessero bastare, ci sono alcune regioni che, in ottica di promozione dell’acquisto di auto a zero o basse emissioni, hanno stanziato per i propri residenti fondi a sostegno della mobilità sostenibile. Andiamo a scoprire insieme come funzionano gli incentivi regione per regione, ricordando che gli incentivi auto regionali sono cumulabili con quelli nazionali.

Incentivi auto Emilia Romagna

L’Emilia Romagna ha stanziato un fondo per incentivare l’acquisto delle vetture ad alimentazione ibrida. L’iniziativa quindi non è rivolta agli emiliani che vogliono acquistare una vettura 100% elettrica ,che potranno usufruire tuttavia dell’esenzione bollo per i primi 5 anni. I 3 milioni di euro che verranno stanziati in tre tranche dal 2020 al 2022 serviranno per rimborsare fino ad un massimo di 573 euro per auto (191 euro all’anno), il bollo delle vetture ibride dopo la registrazione dell’automobilista su una piattaforma web dedicata.

Incentivi auto Friuli-Venezia Giulia

Per il 2020 il Friuli-Venezia Giulia ha deciso di stanziare un contributo per gli incentivi auto regionali. Per usufruire dell’iniziativa, i residenti friuliani dovranno rottamare una vettura a benzina o diesel di classe da Euro 0 a Euro 4 per acquistare un veicolo ad uso privato che sia:

  • Nuovo di fabbrica e di prima immatricolazione
  • A Km 0 e immatricolato da meno di due anni
  • Usato se immatricolato da meno di due anni

Per quanto riguarda l’alimentazione, i valori dell’incentivo cambiano in base al tipo di alimentazione:

  • Per i Bi-Fuel (benzina e metano) di cilindrata non superiore a 4.000 CC e che rientri nella categoria Euro 6: 3.000 € di incentivo per auto nuova o km 0, 1.500 € di incentivo per auto usata.
  • Per i veicoli ibridi se di cilindrata non superiore a 4.000 CC e che rientri nella categoria Euro 6: 4.000 € di incentivo per auto nuova o km 0, 2.000 € di incentivo per auto usata.
  • Per i veicoli elettrici: 5.000 € di incentivo per auto nuova o km 0, 2.500 € di incentivo per auto usata.

Incentivi auto Lombardia

La Lombardia è una delle prime regione italiane che si è attivata per mettere a disposizione dei residenti la possibilità di beneficiare di incentivi per l’acquisto di vetture a basse emissioni. Purtroppo i fondi destinati al “Bando Rinnova Autovetture” per i privati sono andati a ruba e prosciugati in pochi mesi. Al momento, quindi, non sono disponibili incentivi in Lombardia.

Incentivi auto Milano

Il capoluogo lombardo ha messo a disposizione dei propri residenti la possibilità di ottenere un incentivo locale che può essere cumulato con l’Ecobonus statale. I contributi sono disponibili a partire dal 6 luglio e fino all'esaurimento dei fondi disponibili ma non oltre il 30 novembre 2020.

Il contributo, a fondo perduto, consiste in un incentivo per l’acquisto di un veicolo a condizione che il prezzo sia inferiore a € 50.000 compresi optional (esclusi IVA e messa in strada).

Qui di seguito gli incentivi in base al tipo di vettura acquistata.

  • Per auto elettrica: 9.600€ o contributo 60% del costo totale.
  • Per auto ibrida: 6.000€ o contributo 60% del costo totale
  • Per auto Metano/ Bi-Fuel: 5.000€ o contributo 50% del costo totale
  • Par auto a GPL/ Benzina-GPL: 5.000€ o contributo 50% del costo totale
  • Per auto a Benzina EURO 6: 4.000€ o contributo 50% del costo totale

Per poter usufruire di questa iniziativa, il richiedente (soggetti privati maggiorenni, residenti a Milano alla data di pubblicazione del bando, senza limitazioni ISEE) deve rottamare un veicolo benzina fino a Euro 2 incluso o diesel fino a Euro 5 incluso. 

Incentivi auto Piemonte

In Piemonte il fondo per la richiesta dell’incentivo auto regionale è al momento riservato alle piccole e medie imprese. L’obiettivo è quello di dare la possibilità alle piccole industrie di rinnovare il parco veicoli con la conseguente rottamazione dei mezzi di trasporto a benzina fino a Euro 1 e diesel fino a Euro 4. Il valore dell’incentivo varia in base alla massa del veicolo e al tipo di alimentazione scelta. Per i veicoli ibridi si va dai 4.000 ai 6.000 euro mentre per quelli elettrici dai 6.000 ai 10.000 euro.

Incentivi auto Sardegna

La Sardegna ha dedicato fondi ad uso esclusivo delle piccole-medie imprese che operano in Sardegna da almeno 5 anni e che possono richiedere un contributo regionale fino a un massimo del 75% del prezzo di acquisto di un veicolo nuovo elettrico (full electric). L’iniziativa è stata prolungata fino a settembre 2020 o fino ad esaurimento risorse. Il tetto massimo dell’incentivo è fissato a 15.000 euro per le auto, 20.000 euro per i furgoni e 25.000 euro per i pulmini.

Incentivi auto Valle d’Aosta

La Valle d’Aosta ha messo a disposizione dei propri cittadini un fondo che permette ai privati residenti da almeno due anni e alle aziende con sede nella Regione di usufruire di un incentivo regionale sull’acquisto di veicoli che producono emissioni di CO2 non superiori a 70 grammi per chilometro. Il bonus per i privati è di 6.000 euro per l’acquisto di vetture con prezzo inferiore ai 60.000 euro, IVA esclusa, mentre per le aziende varia dai 10.000 ai 15.000 euro in base al tipo di utilizzo del mezzo di trasporto. L’incentivo, inoltre, aumenta con la rottamazione di vetture con classe Euro 4 o inferiore.

Incentivi auto Veneto

Con la delibera del 2 marzo 2020, pubblicata sul BURV in data 6 marzo 2020, la Giunta Regionale veneta ha approvato la creazione di un bando rivolto ai cittadini privati che vogliono acquistare una vettura a basso impatto ambientale, rottamandone una altamente inquinante. Per poter usufruire dell’incentivo, il richiedente deve:

  • Essere residente in Veneto
  • Acquistare un veicolo nuovo per uso privato con classe ambientale Euro 6D Temp o successiva entro 120 giorni dalla data di pubblicazione della delibera sul Bollettino Ufficiale della Regione Veneto
  • Rottamare un veicolo benzina di classe Euro 3 o inferiore o diesel di classe Euro 5 o inferiore
  • Avere un reddito imponibile inferiore ai 75.000 euro

Incentivi auto Trentino Alto Adige e Bolzano

Nel caso del Trentino Alto Adige il varo degli incentivi relativi all’acquisto di vetture a basso impatto ambientale sono gestiti singolarmente dalle province autonome di Bolzano e Trento. 

Provincia di Trento 

I contributi, a seguito della rottamazione di un veicolo inquinante, sono determinati nelle seguenti misure:

a) euro 4.000 per l’acquisto di auto elettriche a batteria e di veicoli elettrici a batteria con range extender;

b) euro 2.000 per l’acquisto di auto ibrida elettrica benzina plug-in con una capacità di batteria di almeno 5 kWh.

Provincia di Bolzano 

La provincia autonoma di Bolzano incentiva l’acquisto di autoveicoli elettrici da parte di privati. È agevolabile l’acquisto, anche in leasing, di autoveicoli elettrici, a celle di combustibile, ibridi plug-in nuovi di fabbrica, per il trasporto di persone e di merci. Per i veicoli elettrici puri è prevista un’agevolazione complessiva di 4.000 euro. Per gli ibridi plug-in di 2.000 euro. La metà è concessa dal rivenditore di veicoli sotto forma di sconto sul prezzo di listino, l’altra metà è concessa dalla provincia sotto forma di contributo. L’intera agevolazione viene anticipata dal rivenditore di veicoli al cliente al momento dell’acquisto del veicolo.

Incentivi auto L’Aquila

Il capoluogo abruzzese ha deciso di stanziare un fondo di 1 milione di euro per promuovere l’acquisto di vetture a basso impatto ambientale. 

Gli incentivi, ha spiegato l’assessore alla Mobilità Carla Mannetti, “saranno erogati nella misura del 30% dell’acquisto della nuova auto elettrica, con un tetto di 8.000 euro per professionisti e imprese e di 4.000 euro per i cittadini” e “i beneficiari saranno determinati operatori economici e i cittadini del centro storico dell’Aquila e delle frazioni, intendendo come centro storico il perimetro delle mura urbiche disegnato dalla Regione Abruzzo per il bando ‘Fare Centro’ per quanto riguarda la città e quello determinato dal Prg per quanto concerne invece le frazioni”.

Altri articoli che potrebbero interessarti:


pratiche.it
Visure e Certificati Online
Richiedi Subito

Rimani sempre aggiornato

Ricevi una volta al mese consigli e guide gratuite sulle pratiche riguardanti auto, casa e lavoro.

Chi siamo

BurocraziaFacile.it è il sito d'informazione che ti aiuta a trovare soluzioni semplici e veloci alle pratiche di tutti i giorni con categorie dedicate al mondo della casa, dell'auto e del lavoro.

Le guide gratuite ti mostrano passo dopo passo le procedure per completare le tue pratiche e ottenere tutti i documenti necessari.

La sezione novità ti consente di rimanere aggiornato sulle ultime notizie, incentivi e scadenze della burocrazia.


Feed Rss

Dubbi o domande?

Scrivici un messaggio e ti risponderemo il prima possibile.

Privacy

Privacy Policy


Burocraziafacile.it
è un progetto di Script Media Group Ltd


90 Leinster Road
Rathmines Dublin 6
Vat IE​3458266BH

Note legali