Le case all’asta piacciono, ecco perché

| casa
case all'asta

L’effetto Covid si fa sentire sul mercato immobiliare e in particolare in quello delle aste. Ecco cosa ha rivelato l’Osservatorio di Immobiliare.it

Stando a quanto emerso dall’Osservatorio di Immobiliare.it, l’effetto Covid in Italia si fa sentire forte e chiaro sul mercato immobiliare e in particolare su quello delle aste immobiliari che hanno registrato nel corso degli ultimi mesi una sensibile riduzione dell’offerta del 25%.

Meno scetticismo e più digitalizzazione

Se il mercato immobiliare residenziale tradizionale sta evidenziando rallentamenti a causa dell’emergenza, non si può dire la stessa cosa per le aste immobiliari. I mesi di lockdown, infatti, hanno visto un vero e proprio congelamento di tutte le pratiche (almeno tra il mese di marzo e luglio) che ha avuto come principale conseguenza una pausa per questo tipo di operazioni.

Nonostante questa rallentamenti però, pare che l’interesse per le aste immobiliari da parte degli acquirenti si sia mantenuto forte, tendenza confermata dal numero di richieste medie per gli annunci, che rispetto al 2019 sono in aumento del 71%, mentre gli annunci salvati dagli utenti come preferiti hanno visto un incremento dell’81%.

«Le ragioni della crescita delle interazioni degli utenti con gli annunci in asta sono di doppia natura – spiega Antonio Intini, Chief Business Development Officer di Immobiliare.it – Da una parte viviamo un importante cambiamento culturale che porta le persone a guardare al mercato delle aste con meno scetticismo che in passato. Dall’altra parte, la forte accelerazione sulla digitalizzazione che il settore sta vivendo e a cui abbiamo contribuito, ha portato a una maggiore cura degli annunci online, che li rende ormai equiparabili per ricchezza di immagini e informazioni a quelli del libero mercato, attraendo così più attenzione da parte di chi cerca».

Una dinamica, questa, che non deve stupire: c’è meno scetticismo nel cercare una casa attraverso le aste immobiliari e inoltre la sempre più diffusa digitalizzazione ha permesso di rendere appetibili questo tipo di immobili esattamente come tutti gli altri. Ultima, ma non per importanza, la possibilità di risparmio: secondo i dati elaborati da Immobiliare.it in Italia il prezzo base d’asta è più basso del 57% in media rispetto ai valori di mercato.

Cosa si ricerca oggi

Curioso il rapporto tra i tagli degli immobili e la domanda: le dimensioni delle case all’asta sono in genere di grande metratura (superficie media di 137 metri quadri), offerta che però fatica a trovare riscontro nella domanda, più propensa verso monolocali e bilocali, le cui richieste medie sono cresciute nel corso dell’ultimo anno rispettivamente del 122% e 83% in un anno.

Altri articoli che potrebbero interessarti:


pratiche.it
Visure e Certificati Online
Richiedi Subito

Rimani sempre aggiornato

Ricevi una volta al mese consigli e guide gratuite sulle pratiche riguardanti auto, casa e lavoro.

Chi siamo

BurocraziaFacile.it è il sito d'informazione che ti aiuta a trovare soluzioni semplici e veloci alle pratiche di tutti i giorni con categorie dedicate al mondo della casa, dell'auto e del lavoro.

Le guide gratuite ti mostrano passo dopo passo le procedure per completare le tue pratiche e ottenere tutti i documenti necessari.

La sezione novità ti consente di rimanere aggiornato sulle ultime notizie, incentivi e scadenze della burocrazia.


Feed Rss

Dubbi o domande?

Scrivici un messaggio e ti risponderemo il prima possibile.

Privacy

Privacy Policy


Burocraziafacile.it
è un progetto di Script Media Group Ltd


90 Leinster Road
Rathmines Dublin 6
Vat IE​3458266BH

Note legali