Tari 2019: Che Cos’è, Quando Pagarla ed Esenzioni

| casa
tari-2019

Calcolo, rate di pagamento, sconti ed esenzioni: tutto sulla Tari 2019, la tassa dei rifiuti dovuta dagli inquilini ai Comuni

Si avvicina in molti comuni la scadenza della TARI 2019. La TARI è la tassa sui rifiuti, che dal 2014 ha preso il posto della vecchia TARES. Insieme a Imu e TASI forma la IUC, la nuova Imposta Unica Comunale. La TARI 2019 va pagata al Comune di residenza da chiunque occupi un immobile o un'area scoperta, indipendentemente dal fatto che sia proprietario o affittuario. Per il calcolo, bisogna munirsi di una planimetria catastale.

Per quanto riguarda le rate, le modalità di pagamento e le eventuali esenzioni, sono i singoli Comuni a stabilire il regolamento. Esistono tuttavia delle linee generali, che analizziamo insieme.

TARI 2019, Chi Deve Pagarla

tari-2019

Come detto, è tenuto a pagare la TARI 2019 chiunque possieda o detenga a qualsiasi titolo locali o aree scoperte, a qualsiasi uso adibiti, suscettibili di produrre rifiuti urbani. 

  • La tassa sui rifiuti, quindi, grava su tutti gli inquilini, sia che siano i proprietari dell’immobile, sia che siano gli affittuari
  • L’unico caso a sé è quello della locazione dell’immobile inferiore a sei mesi: in questo caso la TARI 2019 non grava sull’inquilino, ma resta esclusivamente in capo al proprietario dell’immobile. 
  • Nel caso di una pluralità di proprietari o di inquilini, essi sono tenuti a pagare tutti e in solido la TARI 2019.
  • Nel caso invece di locali in multiproprietà o di centri commerciali integrati, il responsabile del versamento della TARI 2019 è il soggetto che gestisce i servizi comuni. 

TARI 2019, Cosa Fare Dopo Aver Comprato Casa

tari-2019

Se hai appena acquistato casa, entro il 30 giugno dell’anno successivo al momento in cui è iniziato l’utilizzo dell’immobile, sei tenuto a comunicare al Comune alcuni dati, utili al calcolo della TARI 2019. Ecco quali dati occorrono per compilare la modulistica:

  • I dati anagrafici;
  • Il codice fiscale;
  • La data dalla quale l’immobile è utilizzato;
  • I metri quadri calpestatili dell’appartamento, esclusi i muri interni ed esterni e le terrazze, ma comprese cantine e autorimesse. Per questo calcolo, avete bisogno della planimetria catastale della casa, che potete richiedere anche online.

TARI 2019, Calcolo e Scadenze

tari-2019

La TARI 2019 si calcola in base alla superficie calpestabile degli immobili. Per calcolarla, i Comuni prendono in considerazione l’80% della superficie catastale per gli immobili iscritti nel catasto edilizio urbano. Per tutti gli altri immobili non iscritti al registro, si fa riferimento alla superficie calpestabile. A incidere sulla TARI 2019, nel caso di un’abitazione, è anche il numero di componenti del nucleo familiare che ci vivono. 

Il calcolo TARI si ottiene sommando due quote:

  • la quota fissa, che si calcola moltiplicando la superficie dell’alloggio + relative pertinenze (ad esempio il box, ecc) per la tariffa unitaria corrispondente al numero degli occupanti (disponibile sul sito del tuo Comune).
  • la quota variabile è costituita da un valore assoluto, cioè un importo rapportato al numero degli occupanti (disponibile sul sito del tuo Comune).

Per quanto riguarda le scadenze di pagamento della TARI 2019, esse variano da Comune a Comune. Generalmente esiste la possibilità di pagare in un’unica rata o in due rate. Alcune amministrazioni, tuttavia, hanno previsto la possibilità di dilazionare il pagamento su quattro rate annuali. Le scadenze generalmente sono:

  • 1° acconto a aprile/maggio;
  • 2° acconto entro fine luglio;
  • saldo entro fine anno.

Sarà comunque direttamente il Comune a comunicare importi e scadenze e inviare l’avviso di pagamento direttamente a casa.

TARI 2019, Riduzioni ed Esenzioni

tari-2019

Dopo aver visto obblighi, calcoli e scadenze della TARI 2019, guardiamo per quali aree non si deve pagare, precisando subito però che, trattandosi di una tassa comunale, le eventuali esenzioni dipendendo dalle amministrazioni locali, dunque questa lista è solo generale. I regolamenti precisi di ciascun Comune si trovano generalmente sul sito internet dell’ente.

  • aree scoperte pertinenziali a quelle tassabili (es. un cortile condominiale);
  • aree comuni dei condomini, come scale o androni;
  • aree che non producono autonomamente rifiuti (es. balcone);
  • locali che, per situazioni particolari e comprovate, non producono rifiuti;
  • immobili disabitati, ma nel rispetto di determinate condizioni (come utenze disattivate e assenza di arredi e suppellettili).

Oltre alle esenzioni, esistono anche delle riduzioni della TARI 2019. Anche queste, ovviamente, dipendono dal singolo Comune. Vediamo però quali sono quelle più frequenti:

  • riduzione fino al 10% per chi ricicla l’organico utilizzando i contenitori per il compostaggio;
  • sconto fino all’80% nel caso in cui, per determinati periodi, non vi sia il regolare servizio di smaltimento dei rifiuti (assenza del servizio, violazione del regolamento, interruzione del servizio per motivi sindacali ecc.);
  • riduzione fino al 60% nel caso in cui i cassonetti siano posizionati distanti dall’abitazione del soggetto che deve conferire i rifiuti;
  • sconti per abitazioni occupate da una sola persona, da soggetti che trascorrono all’estero più di sei mesi l’anno, da nuclei familiari in condizioni di disagio economico;
  • riduzioni per immobili utilizzati saltuariamente (come le case vacanza), fabbricati rurali, immobili detenuti da enti del Terzo settore, locali di culto, locali commerciali danneggiati dalla presenza di cantieri;
  • sconti per soggetti che smaltiscono in proprio parte dei rifiuti prodotti.

Altri articoli che potrebbero interessarti:


pratiche.it
Visure e Certificati Online
Richiedi Subito

Rimani sempre aggiornato

Ricevi una volta al mese consigli e guide gratuite sulle pratiche riguardanti auto, casa e lavoro.

Chi siamo

BurocraziaFacile.it è il sito d'informazione che ti aiuta a trovare soluzioni semplici e veloci alle pratiche di tutti i giorni con categorie dedicate al mondo della casa, dell'auto e del lavoro.

Le guide gratuite ti mostrano passo dopo passo le procedure per completare le tue pratiche e ottenere tutti i documenti necessari.

La sezione novità ti consente di rimanere aggiornato sulle ultime notizie, incentivi e scadenze della burocrazia.


Feed Rss

Dubbi o domande?

Scrivici un messaggio e ti risponderemo il prima possibile.

Privacy

Privacy Policy


Burocraziafacile.it
è un progetto di Script Media Group Ltd


90 Leinster Road
Rathmines Dublin 6
Vat IE​3458266BH

Note legali