Acquisto casa: Tutti i Documenti da Richiedere al venditore

| casa
documenti casa

Per partire con il piede giusto ed evitare brutti imprevisti è necessario avere un quadro chiaro della persona con cui si vuole stipulare il contratto di compravendita, sia dell’immobile da acquistare.

Tra gli acquisti più importanti nel corso della vita di una persona, l’acquisto della casa è probabilmente quello che richiede maggior tempo e attenzione. Si tratta generalmente di un impegno finanziario a lungo termine. Per molti, è un sogno che si realizza.

Per partire con il piede giusto ed evitare brutti imprevisti è necessario avere un quadro chiaro sia della persona con cui si vuole stipulare il contratto di compravendita, sia dell’immobile da acquistare. In questo articolo scopriremo insieme quali sono i documenti necessari per l'acquisto di una casa da privato.

Acquisto casa da privato: i documenti da consegnare al notaio

Per l’acquisto casa, i documenti da richiedere e far pervenire al notaio sono i seguenti:

  • Copia della carta di identità in corso di validità
  • Codice fiscale
  • Certificato volto ad attestare lo stato civile (oppure il regime patrimoniale)
  • Permesso di soggiorno (se l’acquirente è extracomunitario)

Sempre al notaio andranno consegnati:

  • Fotocopie degli assegni e/o dei bonifici effettuati per il pagamento dell'acconto e del saldo
  • In caso di richiesta di mutuo, l'indicazione della banca, della filiale e della persona di riferimento da contattare

I documenti relativi all’immobile da acquistare

Tra i documenti d’acquisto casa da privato, sono fondamentali  i documenti che riguardano l’immobile, per verificare che tutto sia in regola. In particolare, è necessario prestare la massima attenzione ad una serie di documenti, tra i quali ricordiamo i seguenti.

L’atto di provenienza serve ad attestare la proprietà dell’immobile stesso: può essere un rogito, una successione, una donazione. 

Per quanto riguarda l’agibilità, è necessario verificare che la casa possieda il certificato di regolarità urbanistica, e che sia dunque conforme a quanto depositato nei pubblici registri, ed è necessario consultare lo stato reale dell’impiantistica, per verificare che sia a norma. Obbligatoria per il venditore è anche la presentazione della certificazione energetica, documento redatto da un tecnico abilitato.

Per identificare con precisione l’immobile da acquistare è necessario richiedere la visura catastale e la planimetria del bene, da cui si ricavano anche informazioni di tipo anagrafico di coloro che vantano eventuali diritti sull’oggetto della compravendita.

Quando si compra un immobile occorre poi verificarne la conformità urbanistica.

Per questo è necessario chiedere al venditore:

  • il titolo edificatorio abilitativo, necessario per gli immobili di nuova costruzione o quando lo stesso è stato sottoposto a ristrutturazioni che ne hanno mutato la planimetria;
  • il certificato di destinazione urbanistica, in cui sono riportati principalmente i dati catastali e  l’uso a cui è destinato l’immobile (abitativo, commerciale, ecc.);
  • il certificato di abitabilità/agibilità: un documento molto importante per l’acquirente perché attesta che l’immobile possiede i necessari requisiti igienico sanitari, è conforme al progetto e gli impianti installati sono sicuri.

Altri documenti utili

Tra i documenti che, pur non essendo obbligatori, conviene richiedere al venditore, ci sono le certificazioni degli impianti (con cui un tecnico specializzato attesta in una dichiarazione asseverata la conformità dell’impianto elettrico e del gas) e il libretto della caldaia.

Ci sono poi i documenti da richiedere se l’immobile che si intende acquistare è ubicato all’interno di un condominio. In questo caso infatti è bene che l’acquirente richieda al venditore:

  • una copia del regolamento condominiale
  • una dichiarazione scritta da parte dell’amministratore di condominio che dichiari il pagamento regolare di tutte le spese condominiali da parte del venditore

Cosa chiedere prima di comprare casa: ipoteche

Tra le cose da chiedere prima di comprare casa, occorre verificare l’eventuale presenza di ipoteche sull’immobile. L’ipoteca può essere di due tipologie: volontaria oppure legale (o giudiziale). Nel caso di ipoteca volontaria si può procedere in tranquillità con la proposta d’acquisto e il preliminare, in quanto si tratta in genere dell’ipoteca iscritta dalla banca per la concessione del mutuo (al massimo contestualmente al rogito, l’ipoteca dovrà però essere estinta dal proprietario della casa); se l’abitazione è invece oggetto di ipoteca legale o giudiziale, prima di procedere è bene chiedere il parere di un notaio.

Altri articoli che potrebbero interessarti:


pratiche.it
Visure e Certificati Online
Richiedi Subito

Rimani sempre aggiornato

Ricevi una volta al mese consigli e guide gratuite sulle pratiche riguardanti auto, casa e lavoro.

Chi siamo

BurocraziaFacile.it è il sito d'informazione che ti aiuta a trovare soluzioni semplici e veloci alle pratiche di tutti i giorni con categorie dedicate al mondo della casa, dell'auto e del lavoro.

Le guide gratuite ti mostrano passo dopo passo le procedure per completare le tue pratiche e ottenere tutti i documenti necessari.

La sezione novità ti consente di rimanere aggiornato sulle ultime notizie, incentivi e scadenze della burocrazia.


Feed Rss

Dubbi o domande?

Scrivici un messaggio e ti risponderemo il prima possibile.

Privacy

Privacy Policy


Burocraziafacile.it
è un progetto di Nexxy SA


Corso San Gottardo 46/E
6830 Chiasso - Switzerland

Note legali