Bonus Baby Sitter e Centri Estivi: al Via le Domande

| famiglia
bonus baby sitter

Bonus baby sitter e bonus centri estivi: al via le domanda per i due nuovi bonus fino a un massimo di 1.200 euro (o 2.000 per i lavoratori sanitari). Ecco chi ne ha diritto e le procedure per richiederli.

Bonus Baby Sitter e Bonus Centri Estivi offrono la possibilità ai genitori di ottenere un bonus massimo di 1.200 euro (aumentati fino a 2.000 euro per i lavoratori del comparto sanitario) da spendere alternativamente tra servizi di baby sitter o per l’iscrizione ai centri estivi e servizi integrativi per l’infanzia. Il bonus baby sitter può essere utilizzato anche se a fornire l'aiuto non è una baby sitter, ma i nonni.

I provvedimenti a sostegno della famiglia sono utilizzabili anche in caso di adozione o affido preadottivo. Vediamo insieme chi può inoltrare la domanda e come.

Bonus baby sitter e bonus centri estivi: A Chi Spettano

bonus baby sitter

Ma chi può richiedere il bonus baby sitter e bonus centri estivi? Può ricevere il bonus:

  • chi non ha mai presentato la domanda per la prestazione bonus baby sitter
  • chi ha già fruito del primo bonus baby sitter da 600 euro (1.000 euro per gli operatori sanitari): questi ultimi posso richiedere un importo integrativo al precedente che non superi il totale di 1.200 euro (o 2.000 per gli operatori sanitari).  

Possono presentare la domanda i genitori di figli che hanno meno di 12 anni iscritti ai servizi educativi scolastici  (o in situazioni di handicap grave) ed ottenere il bonus di 1200 euro a famiglia.

Il bonus spetta alle famiglie di:

  • lavoratori dipendenti del settore privato
  • lavoratori iscritti alla gestione separata dell’Inps
  • autonomi iscritti all’Inps o ad altre casse previdenziali. 

Come anticipato, il bonus diventa di 2000 € per il personale di sicurezza, difesa e soccorso, in particolare:

  • medici e infermieri;
  • tecnici di laboratorio biomedico o di radiologia medica;
  • operatori sociosanitari;
  • personale del comparto sicurezza, difesa e soccorso pubblico, impiegato per esigenze connesse all’emergenza epidemiologica da Covid-19.

Ma attenzione!

  • Ricordiamo che non è possibile chiedere contemporaneamente il bonus baby sitter (o centro estivo) e il congedo parentale (vanno chiesti alternativamente), mentre è possibile cumulare il bonus con i giorni di permesso retribuito per la legge 104 e con il prolungamento del congedo parentale per figli con disabilità grave.
  • Il bonus per l'iscrizione ai centri estivi e ai servizi integrativi per l'infanzia non può essere fruito per gli stessi periodi di fruizione del bonus nido erogato dall'Inps.
  • Inoltre, ricordiamo che in nessun caso si può fare richiesta del bonus se un genitore risulta beneficiario di strumenti di sostegno al reddito (ad esempio Naspi, indennità di mobilità...), né essere disoccupato o non lavoratore alla data della domanda

Bonus baby sitter e bonus centri estivi: Come Richiederli

bonus baby sitter

Il bonus baby sitter viene erogato tramite il libretto famiglia. Il libretto famiglia è un libretto prepagato, composto da titoli di pagamento del valore nominale di 10 euro l’ora. Il libretto può essere acquistato tramite modello F24 Elide con causale LIFA o tramite il portale dei pagamenti dell’Inps. Per poter ottenere il pagamento direttamente dall'Inps, anche chi riceve il pagamento deve essere registrato. Dei 10 euro pagati 8 vanno al lavoratore, 1,65 euro vanno alla contribuzione per la Gestione separata dell’Inps, 25 centesimi per il premio dell’assicurazione Inail e 10 centesimi per gli oneri gestionali.

Per attivare il libretto famiglia basta accedere al sito INPS e utilizzare il servizio “prestazioni di lavoro occasionale e libretto famiglia”.

Il bonus centri estivi viene erogato al genitore richiedente solo dopo aver allegato l’iscrizione ai centri estivi o strutture che offrono servizi integrativi per l'infanzia, indicando anche i periodi di iscrizione del minore al centro (minimo una settimana), che non potranno andare oltre la data del 31 luglio 2020. Inoltre, dovrà essere allegata anche la documentazione comprovante la spesa (tramite fattura o certificazione rilasciata dal centro). Nella domanda per il bonus centri estivi vanno indicati i periodi di frequenza, l'importo pagato e quello ancora da pagare. L'accredito del bonus centri estivi può avvenire tramite:

  • conto corrente bancario o postale
  • libretto postale
  • carta prepagata con IBAN
  • bonifico domiciliato presso le poste.

La domanda per il bonus centri estivi può essere presentata tramite i servizi online dell’Inps, contact center Inps o tramite patronato. Presentando la domanda online sul sito INPS, cliccare su “servizio bonus baby sitter”, e al momento dell’inserimento di una nuova domanda potrai scegliere se ottenere il bonus baby sitter, il contributo per i servizi integrativi per l’infanzia (cioè per pagare i centri estivi) o entrambi.

Altri articoli che potrebbero interessarti:


pratiche.it
Visure e Certificati Online
Richiedi Subito

Rimani sempre aggiornato

Ricevi una volta al mese consigli e guide gratuite sulle pratiche riguardanti auto, casa e lavoro.

Chi siamo

BurocraziaFacile.it è il sito d'informazione che ti aiuta a trovare soluzioni semplici e veloci alle pratiche di tutti i giorni con categorie dedicate al mondo della casa, dell'auto e del lavoro.

Le guide gratuite ti mostrano passo dopo passo le procedure per completare le tue pratiche e ottenere tutti i documenti necessari.

La sezione novità ti consente di rimanere aggiornato sulle ultime notizie, incentivi e scadenze della burocrazia.


Feed Rss

Dubbi o domande?

Scrivici un messaggio e ti risponderemo il prima possibile.

Privacy

Privacy Policy


Burocraziafacile.it
è un progetto di Script Media Group Ltd


90 Leinster Road
Rathmines Dublin 6
Vat IE​3458266BH

Note legali