Bonus Matrimonio 2018 e Tutti i Documenti per Sposarsi

| famiglia
documenti matrimonio

Come richiedere il bonus matrimonio 2018: che cos’è il bonus matrimonio, a chi spetta. Scopri Tutti i Documenti Necessari per Sposarsi

Se stai per sposarti, oltre alla scelta del ristorante dei fiori e della lista degli invitati, dovrai occuparti di reperire una serie di documenti che saranno necessari per convogliare a nozze.

Ti sarà utile sapere che potrebbe spettarti il bonus matrimonio 2018. Di cosa si tratta? Il bonus matrimonio 2018, conosciuto anche come assegno per il congedo matrimoniale, è un’agevolazione riconosciuta dall’INPS e a disposizione dei novelli sposi in possesso di determinati requisiti. Quali?

Bonus Matrimonio 2018: i Requisiti

documenti matrimonio

Il bonus matrimonio è un’agevolazione prevista per legge e riconosciuta dall’INPS in occasione del congedo straordinario per matrimonio. La durata del bonus matrimonio è di 8 giorni di congedo straordinario matrimoniale, da fruire entro i 30 giorni successivi alla data delle nozze. Ma attenzione: non tutti possono accedervi, sono solo alcune le categorie di lavoratori che possono usufruire del bonus matrimonio. Vediamole insieme:

  • lavoratori con un regolare contratto di operaio, apprendista, lavoratore a domicilio, marittimo di bassa forza
  • dipendenti di aziende industriali, artigiane, e cooperative da almeno una settimana.

Il bonus matrimonio spetta anche a chi è disoccupato al momento delle nozze, ma dimostra di aver lavorato per una delle aziende appena citate nei 90 giorni prima del matrimonio.

Il requisito fondamentale per accedere al bonus matrimonio è il matrimonio civile o concordatario (la cerimonia religiosa da sola non basta).

Bonus Matrimonio 2018: Come Richiederlo e Quanto Spetta

documenti matrimonio

Se vuoi presentare la domanda di bonus matrimonio, sarà necessario collegarsi al sito dell’INPS e accedere all’area riservata (Invio online di domande di prestazioni a sostegno del reddito), oppure al telefono tramite Contact Center Inps.

Parliamo ora dell’importo del bonus matrimonio: l’importo cambia in base alla categoria di lavoratori:

  • per gli operai e gli apprendisti: 7 giorni di retribuzione, a cui verrà detratta la percentuale a carico del lavoratore, al momento pari al 5,84%.
  • Per i lavoratori a domicilio: 7 giornate di guadagno medio giornaliero, a cui verrà detratta la percentuale a carico del lavoratore, attualmente pari al 5,84%.
  • Per i marittimi: 8 giornate di salario medio giornaliero, a cui verrà detratta la percentuale a carico del lavoratore attualmente pari al 5,84%.
  • Per il part-time verticale: spetta solo per i giorni che coincidono con i giorni di svolgimento dell'attività lavorativa.

Matrimonio: Documenti per il Matrimonio Civile

documenti matrimonio

Sono molti i documenti necessari per la celebrazione delle nozze, sia che si decida di celebrarle in Comune, sia che si opti per la Chiesa. Ma recuperare i documenti può a volte essere più lungo del previsto, specialmente se si abita lontani dal luogo di nascita e di celebrazione dei sacramenti, o in casi particolari come precedenti matrimoni o matrimoni con stranieri.

Partiamo dal matrimonio civile, ecco l’iter da seguire e tutto quello che vi servirà.

Il matrimonio civile, che indica l'unione di due persone, è disciplinato unicamente dalla legge statale e ha effetti validi solo per il diritto dello Stato (non per la Chiesa). Se ci si vuole sposare, come prima cosa è necessario avere i seguenti documenti:

  • documento di identità valido
  • atto di nascita
  • certificato di residenza
  • certificato contestuale

Quando avrete ottenuto tutti i documenti, sarà necessario recarsi in Comune per fissare una data per il consenso. Il consenso è una procedura ufficiale tramite la quale il Comune registra la volontà della coppia di sposarsi. A questo punto il Comune espone le pubblicazioni di matrimonio: le pubblicazioni sono un avviso pubblico con il quale la coppia fa sapere a tutti che è intenzionata a sposarsi. Tempo fa le pubblicazioni erano necessarie per evitare che qualcuno già sposato si sposasse all’insaputa di tutti. Al termine delle pubblicazioni viene rilasciato il certificato di avvenute pubblicazioni.

Per potersi sposare sia con rito civile sia con rito religioso sono necessarie le pubblicazioni di matrimonio.

Puoi richiedere i documenti anagrafici anche online, senza andare necessariamente all'anagrafe.

Matrimonio: Documenti per il Matrimonio Religioso

documenti matrimonio

Se optate per un rito religioso, oltre ai documenti necessari per il matrimonio civile, sarà necessario recuperare qualche altro certificato.

Una volta ottenuto il certificato di avvenute pubblicazioni rilasciato dal Comune, il parroco provvederà ad esporre le pubblicazioni religiose in parrocchia.

Occorre consegnare al parroco i seguenti documenti:

  • Certificato di battesimo
  • Certificato di cresima
  • Certificato di stato libero ecclesiastico (interessa solo chi ha vissuto, dopo il sedicesimo anno di età, fuori dalla Diocesi in cui verrà celebrato il matrimonio e per un periodo di almeno un anno.
  • Attestato di partecipazione al corso prematrimoniale
  • Nulla osta ecclesiastico (interessa solo quelle coppie che dovranno celebrare le nozze in una chiesa differente da quella di appartenenza di entrambi)

Puoi richiedere i documenti anagrafici anche online, senza andare necessariamente all'anagrafe.

Matrimonio con una Persona Straniera

documenti matrimonio

I cittadini stranieri liberi dal matrimonio, possono recarsi al proprio comune (nel caso in cui optino per il rito civile) e richiedere l’appuntamento per il giuramento, muniti di documenti d’identità validi. Oltre ai documenti appena citati, saranno necessari anche i seguenti documenti:

Stranieri comunitari

  • passaporto valido
  • nullaosta rilasciato dal consolato o dall’ambasciata del proprio paese d’origine, firmato dall’ambasciatore o dal console.

Stranieri non comunitari

  • passaporto valido
  • autentica della Prefettura sul Nulla Osta dell'ambasciata o consolato.