Disoccupazione NASpI 2018: Durata, Requisiti e Documenti

| lavoro
disoccupazione NASpI

Tutto quello che devi sapere per accedere alla disoccupazione NASpI per il 2018. Scopri i requisiti e come richiederla.

Se stai leggendo questo articolo, probabilmente hai perso da poco il lavoro, o temi di perderlo a breve. È quindi importante capire quali sono i tuoi diritti alla disoccupazione NASpI 2018 e la procedura per richiederla. Alla fine di questo articolo saprai come funziona la disoccupazione, quali sono i requisiti, quanto dura e come richiederla. Insomma tutto quello che c’è da sapere sulla disoccupazione 2018.

La NASpI (la sigla sta per Nuova Assicurazione Sociale per l'Impiego), è un contributo economico concesso dallo Stato tramite l’INPS nei casi in cui un lavoratore dipendente abbia perso il lavoro. Il lavoratore dipendente può infatti contare sul sostegno al reddito dell’indennità di disoccupazione. Cerchiamo allora di capire insieme quali sono i requisiti indispensabili per poter accedere alla NASpI.

Disoccupazione NASpI 2018: A Chi Spetta e a Chi No

disoccupazione NASpI

Come abbiamo accennato poco fa, i destinatari della disoccupazione NASpI 2018 sono i lavoratori dipendenti, cioè i lavoratori con rapporto di lavoro subordinato. Sono inclusi:

  • gli apprendisti;
  • i soci lavoratori di cooperative con rapporto di lavoro subordinato;
  • il personale artistico con rapporto di lavoro subordinato;
  • i dipendenti a tempo determinato delle Pubbliche Amministrazioni.

Dalla disoccupazione sono invece esclusi:

  • i lavoratori dipendenti a tempo indeterminato delle Pubbliche Amministrazioni;
  • gli operai agricoli a tempo determinato o indeterminato (a cui spetta la disoccupazione agricola, cioè una particolare indennità a cui hanno diritto gli operai che lavorano in agricoltura iscritti negli elenchi nominativi dei lavoratori agricoli);
  • i lavoratori extracomunitari con permesso di soggiorno per lavoro stagionale;
  • i lavoratori titolari di trattamento pensionistico diretto.

Disoccupazione NASpI 2018: i Requisiti

disoccupazione NASpI

Adesso che ti è più chiaro se ti spetta oppure no la disoccupazione NASpI 2018, affrontiamo la questione dei requisiti per poter accedere all’indennità di disoccupazione. I requisiti necessari alla disoccupazione sono solo 3. Ma attenzione, sono previste molte eccezioni! Quindi leggi con attenzione per capire qual è la tua situazione reale. Ecco i 3 requisiti necessari:

  1. stato di disoccupazione involontario
  2. requisito contributivo
  3. requisito lavorativo

Requisito 1: Stato di Disoccupazione Involontario

Per stato di disoccupazione involontario si intende la perdita del lavoro per cause che non dipendono dalla volontà del lavoratore. Il disoccupato si rende immediatamente disponibile a trovare lavoro presso il Centro per l’Impiego, dimostrando di cercare attivamente un lavoro.

Non rientrano quindi quei lavoratori che hanno scelto di comune accordo con il datore di lavoro di andarsene (dimissioni o risoluzione consensuale), ad eccezione di:

  1. dimissioni durante la maternità: la lavoratrice e quasi mamma ha diritto alla disoccupazione se richiede le dimissioni durante il periodo della maternità (che va da 300 giorni prima della data del parto fino al primo anno di vita del bambino). Tra le agevolazioni previste per le neo-mamme, abbiamo parlato anche del Bonus Bebè
  2. risoluzione consensuale in casi specifici, ad esempio se il lavoratore ha rifiutato un trasferimento perché distante oltre 50 km da casa e/o raggiungibile in 80 minuti o più con i mezzi pubblici.

Ci sono poi le dimissioni per giusta causa, cioè quando a seguito di un evento non si può più proseguire il rapporto di lavoro. In questi casi è riconosciuto il diritto alla disoccupazione NASpI:

  • mancato pagamento della retribuzione;
  • aver subito molestie sessuali nei luoghi di lavoro;
  • modificazioni peggiorative delle mansioni di lavoro;
  • ipotesi di mobbing (cioè un insieme di comportamenti aggressivi di natura psicofisica e verbale, esercitati da parte dei superiori o dei colleghi);
  • grosse variazioni delle condizioni di lavoro a seguito di cessione dell'azienda;
  • spostamento del lavoratore da una sede aziendale ad un'altra, senza che sussistano le "comprovate ragioni tecniche, organizzative e produttive".

Se ti spetta la disoccupazione potrai presentare la domanda di disoccupazione NASpI all’INPS. Entro i successivi 15 giorni dovrai contattare il centro per l’impiego per cominciare a cercare attivamente un nuovo lavoro.

Requisito 2: Requisito Contributivo

Per accedere alla disoccupazione NASpI 2018 è necessario aver versato i contributi. In dettaglio, è necessario aver versato i contributi per almeno tredici settimane nei quattro anni prima della disoccupazione. Sono incluse nel conteggio le settimane in cui è stata erogata una retribuzione non inferiore ai minimali settimanali previsti per legge.

Sono inclusi nel conteggio dei contributi utili:

  • i contributi previdenziali comprensivi di quota DS, ASpI e NASpI versati durante il rapporto di lavoro subordinato;
  • i contributi per maternità obbligatoria, se all'inizio dell'astensione risulta già versata contribuzione, e per i periodi di congedo parentale, purché regolarmente indennizzati e intervenuti in costanza di rapporto di lavoro;
  • i periodi di lavoro all'estero in paesi comunitari o convenzionati con l’Italia in materia di sicurezza sociale;
  • i periodi di astensione dal lavoro per malattia dei figli fino agli 8 anni, nel limite di cinque giorni lavorativi nell'anno solare.

Non sono accettati, cioè non sono considerati utili:

  • i periodi di malattia e infortunio sul lavoro, solo nel caso non vi sia integrazione della retribuzione da parte del datore di lavoro;
  • i periodi di cassa integrazione con sospensione dell'attività a zero ore;
  • i periodi di assenza per permessi e congedi per assistere un soggetto con handicap in situazione di gravità, che sia coniuge convivente, genitore, figlio convivente, fratello o sorella convivente di soggetto con handicap in situazione di gravità;
  • i periodi di aspettativa non retribuita per funzioni pubbliche elettive o cariche sindacali;
  • i periodi di lavoro all’estero in Stati con i quali l’Italia non ha accordi di assicurazione contro la disoccupazione.

Requisito 3: Requisito Lavorativo

Per accedere alla disoccupazione è necessario aver effettivamente lavorato. Entrando nel dettaglio, sono necessarie almeno 30 giornate di lavoro effettivo nell’anno prima della disoccupazione. Per giornate di effettivo lavoro si intendono quelle in cui si è presenti al lavoro, indipendentemente dalla durata oraria delle giornate lavorative.

Ci sono però casi che portano a un ampliamento della finestra di 12 mesi in cui cercare le 30 giornate di lavoro, ad esempio in caso di:

  • malattia e infortunio sul lavoro;
  • cassa integrazione straordinaria e ordinaria a zero ore;
  • assenze per congedi e permessi 104;
  • congedo obbligatorio di maternità;
  • congedo parentale;
  • aspettativa non retribuita per motivi politici e sindacali;
  • lavoro all’estero presso Stati con i quali l’Italia non ha stipulato accordi bilaterali in tema di assicurazione contro la disoccupazione.

Disoccupazione NASpI 2018: la Domanda e le Tempistiche

disoccupazione NASpI

Puoi fare domanda di disoccupazione NASpI direttamente all'INPS, solo in via telematica, entro massimo 68 giorni dalla cessazione del rapporto di lavoro, salvo casi particolari (malattia, infortunio, maternità, ecc..).

I canali per presentarla sono i consueti canali dell’INPS:

  • tramite il sito INPS, sarà necessario il PIN personale;
  • tramite patronato
  • tramite numero verde

È durante l’invio della domanda di disoccupazione che potrai presentare anche la dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro.

Come afferma anche l’INPS, l’importo della disoccupazione NASpI 2018 spetta:

  • dall'ottavo giorno successivo alla data di cessazione del rapporto di lavoro, se la domanda viene presentata entro 8 giorni;
  • dal giorno successivo alla presentazione della domanda se la presenti dopo 8 giorni;
  • dall’ottavo giorno successivo al termine del periodo di maternità, malattia, infortunio sul lavoro, se presenti la domanda 8 giorni; dal giorno successivo alla presentazione della domanda se la presenti dopo 8 giorni;
  • dall’ottavo giorno successivo al licenziamento per giusta causa, se presenti la domanda entro l’ottavo giorno; dal giorno successivo a quello di presentazione della domanda, se la presenti dopo 8 giorni dal licenziamento.

Disoccupazione NASpI 2018: la Durata

Per quanti mesi riceverai la disoccupazione? La risposta non è uguale a tutti. La durata della disoccupazione varia infatti in base ai contributi che hai versato: in pratica, riceverai la disoccupazione per un numero di settimane pari alla metà delle settimane di contribuzione degli ultimi quattro anni, fino a un massimo di 2 anni. Per fare un esempio, se negli ultimi 4 anni sono stati versati contributi per 2 anni, riceverai l’indennità di disoccupazione per 1 anno.

Non riceverai però sempre la stessa somma per l’intero periodo.

Disoccupazione NASpI 2018: i Soldi

disoccupazione NASpI

Tutto chiaro, o quasi. Ma da quando arrivano i soldi? Questa è sicuramente la preoccupazione più grande: se hai perso lavoro l’unica cosa che ti interessa è avere i soldi per pagare le bollette, fare la spesa, pagare il mutuo o l’affitto.

Purtroppo non c’è una risposta certa a questa domanda. La data dipende innanzitutto da quando hai presentato la domanda: ti consigliamo quindi di non perdere tempo e presentare la domanda di disoccupazione NASpI all’INPS appena possibile, per non ritardare i pagamenti. I tempi di pagamento però variano da una sede all’altra: in linea di massima dovrai attendere almeno un mese per il primo pagamento dalla presentazione della domanda.


Chi siamo

BurocraziaFacile.it è il sito d'informazione che ti aiuta a trovare soluzioni semplici e veloci alle pratiche di tutti i giorni con categorie dedicate al mondo della casa, dell'auto e del lavoro.

Le guide gratuite ti mostrano passo dopo passo le procedure per completare le tue pratiche e ottenere tutti i documenti necessari.

La sezione novità ti consente di rimanere aggiornato sulle ultime notizie, incentivi e scadenze della burocrazia.


Feed Rss

Dubbi o domande?

Scrivici un messaggio e ti risponderemo il prima possibile.

Privacy

Privacy Policy


Burocraziafacile.it
è un progetto di Script Media Group Ltd


90 Leinster Road
Rathmines Dublin 6
Vat IE​3458266BH

Note legali