Bollo Auto Non Pagato: Quando Scatta il Fermo Amministrativo?

| auto
bollo auto non pagato

Cosa succede se non pago il bollo auto? Dopo quanto tempo scatta il fermo amministrativo?

Il bollo auto, chiamato anche tassa automobilistica è una tassa di proprietà del veicolo. Sono quindi tenuti a pagarla tutti i proprietari di un veicolo, a prescindere dall’utilizzo effettivo. Questo vuol dire che anche un vecchio veicolo parcheggiato nel cortile e non utilizzato è soggetto al pagamento del bollo auto. Gli unici casi in cui si è esenti dal pagamento del bollo auto sono

  • in caso di perdita del possesso per furto;
  • demolizione;
  • trasferimento del veicolo all'estero.

Prima di capire l’iter burocratico che segue il mancato pagamento del bollo, cerchiamo di capire se il bollo auto è legale. Se anche a te è arrivata voce che il Bollo Auto è Illegale, facciamo chiarezza una volta per tutte, affermando che il bollo auto è legale, in quanto è un tributo che tutti i proprietari di autoveicoli e motoveicoli immatricolati nella Repubblica Italiana devono versare. Come afferma lo stesso Parlamento Europeo, ogni Stato membro dell’Unione Europea può applicare il regime fiscale che preferisce in materia di tassazione delle autovetture. Dunque il bollo auto italiano non è illegale perché la Commissione non lo ha ritenuto contrario al diritto dell'Unione europea.

bollo auto non pagato

Ma torniamo al punto focale del nostro articolo, e capiamo insieme cosa succede se non si paga più il bollo auto. Se non viene pagato il bollo auto, la Regione invia un avviso di accertamento, cioè una formale diffida dove si afferma che il contribuente non ha pagato il bollo auto. L’avviso di accertamento viene inviato entro massimo tre anni (decorsi questi anni, se non viene ricevuto l’avviso di accertamento, il bollo auto e gli importi dovuti cadranno in prescrizione). Dopo l'avviso di accertamento, avviene l'iscrizione al ruolo. Nello stesso momento in cui la somma dovuta viene iscritta al ruolo, viene avvisata anche l’Agenzia delle Entrate – Riscossione, che provvederà alla notifica della relativa cartella esattoriale.

Se non sei sicuro di essere in regola con il pagamento del bollo, puoi richiedere una visura bolli.

bollo auto non pagato

Una volta ricevuta la cartella esattoriale tramite raccomandata a/r o tramite PEC, l’automobilista ha a disposizione 60 giorni di tempo prima di pagare la cartella esattoriale ricevuta, per non rischiare il fermo amministrativo.

Se ti stai chiedendo cos’è esattamente un fermo amministrativo, il fermo amministrativo è un atto con il quale gli enti pubblici (Agenzia delle Entrate etc.) o le amministrazioni (Comuni, Regioni, Stato, ecc.), tramite i propri agenti di riscossione bloccano la circolazione di un’auto o di una moto per poter riscuotere tributi, tasse e sanzioni dovute.

Se il proprietario ancora non procede a pagamento del bollo auto dopo la notifica della cartella di pagamento, riceverà la notifica di preavviso del fermo amministrativo: questa è proprio l’ultima tappa prima del fermo amministrativo. L’automobilista può adesso:

  • pagare il debito legato al bollo auto
  • chiedere la rateizzazione del fermo amministrativo
  • comunicare che il fermo amministrativo è illecito, perché su un’auto disabili, su auto utilizzata per motivi lavorativi (dimostrando la stretta correlazione tra veicolo e attività lavorativa), o nel caso di comproprietà del mezzo tra due o più intestatari.

Dalla notifica di preavviso del fermo amministrativo il proprietario ha ancora a disposizione 30 giorni entro i quali provvedere al pagamento: al termine dei 30 giorni scatta l'iscrizione del fermo amministrativo al Pra, il Pubblico Registro Automobilistico. In quest’ultima fase non avviene nessuna comunicazione dell’avvenuto fermo amministrativo.

Ricordiamo che un veicolo sottoposto a fermo amministrativo

  • non può circolare, pena un’ulteriore sanzione (si rischia una multa da 770 € a 3.114 €);
  • non può essere radiato dal PRA: vuol dire che durante il fermo amministrativo il veicolo non può essere demolito o esportato all’estero;
  • è possibile vendere auto con fermo amministrativo, ma il veicolo non può comunque circolare e non può essere radiato dal PRA: va quindi messo a conoscenza l'acquirente del fermo amministrativo sul veicolo e del conseguente divieto di circolazione.

L’unico modo per cancellare un fermo amministrativo è provvedere al pagamento del debito. Se intendi cancellare il fermo amministrativo su un veicolo a te intestato dovrai presentare i seguenti documenti:

  • provvedimento di revoca in originale (è il documento rilasciato dal concessionario della riscossione al momento del saldo del debito);
  • Certificato di Proprietà Cartaceo in originale oppure del certificato di proprietà digitale

Altri articoli che potrebbero interessarti:


pratiche.it
Visure e Certificati Online
Richiedi Subito

Rimani sempre aggiornato

Ricevi una volta al mese consigli e guide gratuite sulle pratiche riguardanti auto, casa e lavoro.

Chi siamo

BurocraziaFacile.it è il sito d'informazione che ti aiuta a trovare soluzioni semplici e veloci alle pratiche di tutti i giorni con categorie dedicate al mondo della casa, dell'auto e del lavoro.

Le guide gratuite ti mostrano passo dopo passo le procedure per completare le tue pratiche e ottenere tutti i documenti necessari.

La sezione novità ti consente di rimanere aggiornato sulle ultime notizie, incentivi e scadenze della burocrazia.


Feed Rss

Dubbi o domande?

Scrivici un messaggio e ti risponderemo il prima possibile.

Privacy

Privacy Policy


Burocraziafacile.it
è un progetto di Script Media Group Ltd


90 Leinster Road
Rathmines Dublin 6
Vat IE​3458266BH

Note legali